Marcello Vandelli

"A tutte le donne
Fragile, opulenta donna, matrice del paradiso
sei un granello di colpa
malgrado le tue sante guerre
anche agli occhi di Dio
per l'emancipazione.
e rimane uno scheletro d'amore
Spaccarono la tua bellezza
che però grida ancora vendetta
poi ti volgi e vedi ancora i tuoi figli,
e soltanto tu riesci
ancora a piangere,
poi ti volti e non sai ancora dire
e taci meravigliata
e allora diventi grande come la terra."
Alda Merini



Il passato è passato
Tecnica mista su osb, 135x85



Arriva per tutti il momento di fermarsi. Guardare al proprio vissuto con una disposizione distaccata, atarassica, mai superficiale. Un passato di luci ed ombre, di scelte fatte e di progetti rimandati, di sogni di felicità e precipizi nella delusione. È il passo per attraversare se stessi, individuare punti di forza e criticità. E ripartire di nuovo. Più forti e motivati di prima.
Commento di Alessandra Bertacchini















I ricordi della memoria
Tecnica mista su osb, 100x66


I ricordi scorrono veloci nella mente, come correnti marine blu profondo, portando con loro un'anima riflessa, celata, la proiezione dell'individuo stesso. I ricordi sono ciò che siamo. Rappresentano la parte onirica e privata del nostro presente, sono le emozioni vissute... senza passato non potrebbe esistere il presente.
Commento di Eleonora Tabarelli.










Il rumore del sogno
Tecnica mista su osb, 100x66


Non a caso la donna. Non a caso la donna guardata. Non a caso una donna senza volto. Non a caso una donna coraggiosa che si fa a guardare e che non si volge indietro. Non a caso il rosso accentua la morbidezza della seduta e la verticalità della schiena eretta e incorruttibile. Un sogno plausibile quanto auspicabile in cui siamo dolcemente attoniti e costretti ad osservare ciò che Lei ci concede di guardare. Seppur agli occhi dei più ella sia anonima, è chiara e distinta tra il rumore dei colori che la circonda. Una metafora tremendamente reale di ciò che una visione notturna può concedere: un attimo di estasi, un istante di infinito, un ricordo interminabile, un sogno ricorrente e straziante.
Commento di Paolo Capacciola








Il lato luminoso della luna
Tecnica mista su osb, 100x66


Nel concept album "The dark side of the Moon" i Pink Floyd elaboravano la vicenda antieroica dell'uomo moderno, rappresentandone in particolare pulsioni inconscie, sotterranee, inconfessabili. Marcello allusivamente parte da questo modello, ma lo rovescia . Rivelando il lato luminoso della luna: la sessualità femminile. Di qui i valori positivi che si manifestano come i colori dell'iride rinfranti dal prisma: dal godimento di una fisicità liberata da gabbie concettuali preclusive al raggiungimento di una felicità esistenziale. Un appassionato e raffinato omaggio alla donna quale dispensatrice dei doni del vivere.
Commento di Alessandra Bertacchini

Commenti

Post più popolari